Check-up generale otorinolaringoiatria (naso, orecchio, gola)

Per la salute generale delle vie aeree superiori e degli apparati correlati, talvolta può essere necessario un check-up generale di otorinolaringoiatria. Questo controllo interessa naso, orecchie e gola e può avere diverse finalità.

Il Check-up può rivelarsi utile per individuare la corretta diagnosi in base ai disturbi indicati dal paziente che, per molte patologie che interessano queste zone, possono essere aspecifici e, quindi, richiedere approfondimenti più mirati.

Può anche essere utile per valutare lo stato di guarigione da una patologia trattata o a seguito di un intervento chirurgico o semplicemente per accertare che le funzionalità di orecchio, naso e gola siano normali.

In cosa consiste il check-up generale di otorinolaringoiatria?

Il check è una valutazione globale generale che si effettua tramite una serie di controlli mirati tra cui figurano i seguenti esami:

  • visita orl, ovvero un esame specialistico mirato ad individuare patologie di orecchie naso e gola e delle strutture del distretto testa-collo;
  • fibrorinolaringoscopia, cioè un esame tramite un sondino con fibra ottica e telecamera che indaga sulle condizioni delle vie aeree, delle cavità nasali, della laringe e della faringe;
  • otomicroscopia, ovvero un esame obiettivo del condotto uditivo tramite microscopio ottico con il quale si valuta l’anatomia dell’area e la salute dell’orecchio in ogni sua componente;
  • esame audiometrico, cioè la rilevazione quantitativa della capacità uditiva del paziente;
  • esame impedenzometrico, ovvero un accertamento non invasivo con il quale si valuta se timpano e orecchio rispondano normalmente ad uno stimolo di pressione esterna che, in condizioni di normalità manifesta reattività in corrispondenza del timpano.

Prenota un check-up generale, clicca qui

Check-up della voce

Un controllo della voce può essere necessario per tantissime motivazioni. La voce è uno strumento fondamentale che ci aiuta a comunicare e ad interagire efficacemente con le persone che fanno parte della nostra vita, ci consente il trasferimento di pensieri ed emozioni da un individuo all’altro ci sconsente di esprimere i nostri bisogni in modo semplice ed economico. La voce è generata dalle corde vocali, che fanno entrare e uscire l’aria dai polmoni durante la respirazione. Per produrre il suono si avvicinano quando parliamo o cantiamo.

Per alcune persone la voce è il principale strumento di lavoro (avvocati o insegnanti ma anche a manager, cantanti, attori) e può essere sottoposta ad un uso intensivo. La voce però è anche l’integrazione tra il sistema cranio mandibolare, l’apparato stomatognatico, il sistema uditivo, il sistema visivo, l’osso ioide, il rachide, la gabbia toracica , il diaframma, etc..

 La voce è un mezzo importantissimo e, come tale, deve essere sempre tenuta in forma prestando attenzione allo stile di vita, alla postura, all’uso di farmaci e a tutto ciò che potrebbe influenzarne la buona salute.

Per un controllo generale della voce potrai sottoporti ai seguenti esami:

  • visita ORL, ovvero un esame specialistico del distretto testa-collo mirato allo studio delle corde vocali.
  • videostrobolaringoscopia Permette di visualizzare le corde vocali e valutare se ci sia una causa strutturale o anatomica nella sintomatologia di un paziente. La luce stroboscopica consente di vedere le corde vocali come se fossero al rallentatore mostrando le dinamiche vibratorie normali che comprendono un movimento cordale con un onda mucosa di buona ampiezza, periodicità e simmetria con stabilità della vibrazione durante la fonazione sostenuta
  • visita logopedica con spettrografia e fonetografia  

– valutazione percettiva

– analisi acustica

– valutazione aerodinamica

– valutazione del supporto respiratorio, squilibri posturali e tensioni muscolari. 

– screening deglutitorio e miofunzionale

Prenota un check-up della voce clicca qui

Check-up del naso e dell’olfatto

Naso e olfatto possono essere interessati da disturbi incrociati tra loro e manifestare la presenza di più patologie a partire da sintomi “semplici” e piuttosto comuni come perdita temporanea o permanente della capacità di percepire odori, ostruzione nasale e la presenza di secrezione nasale abbondante. Questi possono celare una semplice congestione nasale da rinite o rinosinusite oppure problemi più complessi per cui, al primo sintomo sospetto, è consigliato richiedere il parere dell’esperto. Per le indagini diagnostiche circa la salute di naso e olfatto sono richiesti i seguenti esami:

  • visita ORL, un esame specialistico del distretto testa-collo mirato allo studio delle fosse nasali e diretto alla valutazione degli esami segenti
  • olfattometria; Il paziente annusa una serie di essenze odorose imbevute su carta e in  base alle risposte date si può determinare la capacità olfattiva, che potrà essere normale (normosmia), ridotta (iposmia) o assente (anosmia).
  • rinomanomentria; Questo esame permette di misurare in modo oggettivo il flusso di aria che passa attraverso ciascuna narice, dando una misura della pervietà nasale.
  • Fibrorinolaringoscopia un esame con una fibra ottica attaccato a una telecamera che mostra  le cavità nasali, la laringe e la faringe
  • indagine allergologica con prick test. L’esame è eseguito dallo specialista in allergologia. Vengono applicati sulla cute dell’avambraccio sospensioni acquose delle sostanze da testare (pollini, acari, derivati epidermici di animali ecc, ecc…).
Si valutano le reazioni cutanee (rossore, gonfiore) che compaiono dopo.

  • citologia nasale; Le cellule della mucosa nasale vengono raccolte tramite una piccola spatola. Il loro esame al microscopio, permette di caratterizzazione le diverse popolazioni cellulari nasali e fornisce indicazioni circa la natura e la prognosi di queste patologie.
  • un esame radiologico con TAC massiccio facciale L’importanza della radiologia risiede nel fatto che, nella maggior parte dei casi, l’interno delle cavità paranasali e le strutture ossee del naso possono essere valutate solo in modo indiretto dall’endoscopia nasale. È necessario dunque un esame radiologico per visualizzare l’interno dei seni paranasali e le strutture ossee nasali.

Prenota un check-up dell’olfatto, clicca qui

Check-up di russamento e qualità del sonno

Senza un buon sonno il corpo pian piano diventa meno efficiente di giorno perché sopraffatto da stanchezza, letargia e problemi cognitivi che intaccano seriamente la qualità della vita delle persone.

 Questo perché il sonno è una delle funzioni fondamentali dell’uomo, non a caso trascorriamo un terzo della nostra vita a letto. Il sonno inibisce la formazione di cortisolo, meglio noto come l’ormone dello stress. Mentre dormiamo riposiamo il corpo, consolidiamo la memoria e aiutiamo il corpo a produrre la giusta quantità di anticorpi per sostenere il sistema immunitario. Quando dormiamo aumenta anche la produzione di collagene che è una proteina che rende elastica la pelle.

Quando una persona è affetta da un disturbo respiratorio o da una patologia che la tiene sveglia il sonno peggiora e la condizione si aggrava. Per questo può essere necessario indagare la qualità respiratoria, studiando l’eventuale presenza di russamento e altri disturbi correlati.

Per studiare questi disturbi oltre ad una visita specialistica sono necessari i seguenti esami:

  • fibrorinolaringoscopia;
  • polisonnografia;
  • visita neurologica dei disturbi del sonno.

Prenota un check-up di russamento, clicca qui

Check-up acufene

La valutazione include oltre alla visita otorinolaringoiatrica, un esame audiometrico ed impedenzometrico, una acufenometria (esame in grado di fornirci le caratteristiche “fisiche” dell’acufene quali il tipo di suono percepito, il suo volume e la possibilità di inibire l’acufene con utilizzo di suoni specifici) e l’impatto dell’acufene attraverso l’uso di questionari validati (DHI – Dizziness Handicap Inventory)

  • Visita ORL e somministrazione test DHI
  • Audioimpedenzometria
  • Acufenometria

Prenota un check-up acufene, clicca qui

Check-up audiologico

Specificamente dedicato a persone con ipoacusia, il check-up mira a differenziare le ipoacusie trasmissive da quelle percettive, legate a patologie dell’orecchio interno o del nervo acustico. I potenziali evocati uditivi sono in grado in particolare di differenziare ipoacusie legate a patologie dell’orecchio interno da quelle possibilmente legate a patologie del nervo. Quest’ultimo esame, assieme all’audiometria vocale, è in grado di fornire previsioni relative alle difficoltà di utilizzare protesi acustiche nelle ipoacusia neurosensoriali.

  • Visita ORL
  • Audioimpedenzometria
  • Audiometria vocale
  • Potenziali Evocati Uditivi

Prenota un check-up audiologico, clicca qui